Vai ai contenuti.

Valeggio e ponte visconteo

Una natura rigogliosa, un trionfo di sapori in un borgo medievale intatto e di rara suggestione

Valeggio e ponte visconteo

Meli in fiore a Belfiore

Al confine tra l'Est e la Bassa veronese vi sono noti centri di coltivazione della mela

Meli in fiore a Belfiore

Parco regionale della Lessinia

Patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed etnico del territorio veronese

Parco regionale della Lessinia

Risaia - Isola della Scala

Nella Bassa veronese, tra risorgive e risaie, alla scoperta della terra del “Vialone Nano Igp”

Risaia - Isola della Scala

Vigneti - Fumane

Sulle colline della Valpolicella tra ville e vigneti nascono i migliori vini della nostra tradizione

Vigneti - Fumane

Villa Bernini a Lazise

Sulle sponde del lago con il suo splendido parco: passeggiate rilassanti e un suggestivo panorama

Villa Bernini a Lazise

Castelvecchio

Simbolo scaligero trecentesco, specchio delle vicende che ne attraversarono le possenti arcate.

Castelvecchio
Avvisi
 

Provincia di Verona

via S. Maria Antica 1
37121 Verona
tel. +39 045 9288611
fax +39 045 9288763
numero verde 800344000
posta elettronica certificata
partita iva 00654810233
codice fisc. 00654810233
coordinate bancarie
 
Tu sei qui: Home Avvisi Avviso di mobilità esterna per intescambio

Avviso di mobilità esterna per intescambio

creato da Zanetti Marina ultima modifica 07/11/2017 11:01

Avviso per la presentazione di domanda di mobilità per interscambio o compensativa per il personale di ruolo della Provincia di Verona in possesso dei requisiti formali e sostanziali indicati nell'avviso stesso

 

MOBILITA’ ESTERNA PER INTERSCAMBIO

 

per il personale dipendente in ruolo della Provincia di Verona

 

SITUAZIONE ATTUALE:

 

Come a Vostra conoscenza il decreto legge n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012 (c.d. “Spending review”) aveva sancito il divieto per le Province e/o Enti di Area vasta di procedere a nuove assunzioni a tempo indeterminato.

 

Tale divieto è stato successivamente confermato dalla legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015) che all’articolo 1, comma 420, lo ha esteso dal 1 gennaio 2015 anche alle procedure di mobilità, all’acquisizione di personale attraverso l’istituto del comando, nonché ad ogni altra forma di lavoro flessibile. Il divieto opera anche per le eventuali assunzioni di unità di personale facenti capo alle cosiddette “categorie protette” di cui alla legge n. 68/1999, come indicato da ultimo dalla Sezione delle Autonomie della Corte dei Conti con parere n. 22/2017 del 19 luglio 2017.

 

L’articolo 22, comma 5, del decreto legge 24 aprile 2017 n. 50, convertito con modificazioni nella legge 21 giugno 2017 n. 96, ha consentito una parziale deroga al divieto disponendo che lo stesso “…….non si applica per la copertura delle posizioni dirigenziali che richiedono professionalità tecniche e tecnico-finanziarie e contabili e non fungibili delle province delle regioni a statuto ordinario in relazione allo svolgimento delle funzioni fondamentali….”.

 

NOVITA’:

 

Con recente parere n.100/2017 del 13 settembre 2017 la Corte dei Conti Umbria ha ritenuto peraltro ammissibile per le province “il ricorso alla mobilità cd. per interscambio, nel rispetto dei requisiti richiesti dall’art. 7 del D.P.C.M. 5 agosto 1988, n. 325, ed in particolare qualora la stessa sia improduttiva di nuove ed ulteriori spese per le amministrazioni coinvolte e dunque neutra dal punto di vista finanziario”.

 

Tale istituto della mobilità “compensativa o per interscambio”, previsto dal citato art. 7 del D.P.C.M. 5 agosto 1988, n. 325, consente l’interscambio di personale nel rispetto del principio della neutralità finanziaria, solo tra due dipendenti appartenenti a profilo professionale corrispondente, che ne facciano domanda congiunta, e previo nulla osta dell'amministrazione di provenienza e di quella di destinazione.

 

In proposito, e con specifico riferimento al profilo professionale dei dipendenti degli enti locali, occorre precisare che le disposizioni del CC.NN.LL del 31 marzo 1999 del comparto EE.LL., revisionando il previgente sistema di classificazione professionale, suddividono il personale dipendente in categorie (A, B, C, e D) con progressione economica interna alle stesse.

 

Pertanto ai fini del concetto di neutralità finanziaria e corrispondenza di profilo dovrà essere valutata la corrispondenza di categoria, posizione economica e profilo professionale.

 

POSSIBILITA’:

 

Alla luce di tale interpretazione, questa amministrazione può oggi valutare positivamente eventuali domande di mobilità per interscambio o compensativa, in presenza dei presupposti formali e sostanziali sopraindicati.

 

VALUTAZIONE:

 

La valutazione sarà operata dal segretario direttore generale in collaborazione con i dirigenti interessati, avendo riguardo anche alla preparazione ed esperienza professionale specifica, al proficuo inserimento ed adattabilità al contesto lavorativo nell’ambito provinciale, desumibili da eventuale colloquio con il personale esterno interessato.

 

MODALITA’:

 

Le domande potranno essere presentate in qualunque momento al servizio risorse umane della Provincia di Verona e, salvo particolari e motivate urgenze, saranno esaminate con cadenza periodica, al fine di una loro valutazione omogenea e consentire l’espletamento degli adempimenti connessi anche alla programmazione del piano occupazionale e dei fabbisogni.

 

PERSONALE INTERESSATO:

 

Per quanto possa apparire scontato saranno prese in considerazione solo le domande provenienti dal personale dipendente della Provincia di Verona in ruolo.

 

Verona, 7 novembre 2017                                                                   Il segretario direttore generale

 

f.to Franco Bonfante

 

Allegati


Non ci sono allegati.


logo Europe Direct