Vai ai contenuti.

Valeggio e ponte visconteo

Una natura rigogliosa, un trionfo di sapori in un borgo medievale intatto e di rara suggestione

Valeggio e ponte visconteo

Meli in fiore a Belfiore

Al confine tra l'Est e la Bassa veronese vi sono noti centri di coltivazione della mela

Meli in fiore a Belfiore

Parco regionale della Lessinia

Patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed etnico del territorio veronese

Parco regionale della Lessinia

Risaia - Isola della Scala

Nella Bassa veronese, tra risorgive e risaie, alla scoperta della terra del “Vialone Nano Igp”

Risaia - Isola della Scala

Vigneti - Fumane

Sulle colline della Valpolicella tra ville e vigneti nascono i migliori vini della nostra tradizione

Vigneti - Fumane

Villa Bernini a Lazise

Sulle sponde del lago con il suo splendido parco: passeggiate rilassanti e un suggestivo panorama

Villa Bernini a Lazise

Castelvecchio

Simbolo scaligero trecentesco, specchio delle vicende che ne attraversarono le possenti arcate.

Castelvecchio
Destinatari

Provincia di Verona

via Franceschine 10
37122 Verona
tel. +39 045 9288611
fax +39 045 9288763
numero verde 800344000
posta elettronica certificata
partita iva 00654810233
codice fisc. 00654810233
coordinate bancarie
 
Tu sei qui: Home Documenti Come fare per

autorizzazione scarico acque reflue industriali


Cos'è: Le imprese private che intendono effettuare scarichi di acque reflue industriali in acque superficiali o sotterranee, sul suolo o nel sottosuolo, devono ottenere l’autorizzazione dalla Provincia

A chi si rivolge: Le imprese private che intendono effettuare scarichi di acque reflue industriali in acque superficiali o sotterranee, sul suolo o nel sottosuolo

Cosa fare: La domanda di autorizzazione va redatta secondo la modulistica provinciale, e corredata della documentazione richiesta, anch’essa redatta secondo i moduli.

Modalitàƒ di avvio: su istanza di parte

Come si svolge: Salvo quanto previsto dal Dlgs 59/2005, l'autorizzazione è valida per quattro anni dal rilascio. Per insediamenti, edifici o stabilimenti la cui attività sia trasferita in altro luogo, o per quelli soggetti a diversa destinazione d'uso, ad ampliamento o a ristrutturazione da cui derivi uno scarico avente caratteristiche qualitativamente e/o quantitativamente diverse, deve essere chiesta nuova autorizzazione allo scarico, se soggetto. Se lo scarico non abbia caratteristiche qualitative o quantitative diverse, va data comunicazione alla Provincia che adotta i provvedimenti eventualmente necessari. Un anno prima della scadenza deve essere chiesto il rinnovo, secondo la modulistica provinciale

Costo: La domanda va in bollo. Le spese di istruttoria (del. Prov. n. 51/1996) sono di euro 52,00. Il provvedimento finale è soggetto a imposta di bollo

Termine finale (giorni): 90

Normativa di riferimento: Dlgs 152/2006, art. 124

Ufficio competente: Servizio difesa suolo

Nominativo responsabile/i:
CACCIATORI GUGLIELMO

Autoritàƒ a cui presentare ricorso: Tribunale amministrativo regionale o ricorso straordinario al Capo dello Stato



logo Europe Direct