Vai ai contenuti.

Valeggio e ponte visconteo

Una natura rigogliosa, un trionfo di sapori in un borgo medievale intatto e di rara suggestione

Valeggio e ponte visconteo

Meli in fiore a Belfiore

Al confine tra l'Est e la Bassa veronese vi sono noti centri di coltivazione della mela

Meli in fiore a Belfiore

Parco regionale della Lessinia

Patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed etnico del territorio veronese

Parco regionale della Lessinia

Risaia - Isola della Scala

Nella Bassa veronese, tra risorgive e risaie, alla scoperta della terra del “Vialone Nano Igp”

Risaia - Isola della Scala

Vigneti - Fumane

Sulle colline della Valpolicella tra ville e vigneti nascono i migliori vini della nostra tradizione

Vigneti - Fumane

Villa Bernini a Lazise

Sulle sponde del lago con il suo splendido parco: passeggiate rilassanti e un suggestivo panorama

Villa Bernini a Lazise

Castelvecchio

Simbolo scaligero trecentesco, specchio delle vicende che ne attraversarono le possenti arcate.

Castelvecchio
Destinatari

Provincia di Verona

via Franceschine 10
37122 Verona
tel. +39 045 9288611
fax +39 045 9288763
numero verde 800344000
posta elettronica certificata
partita iva 00654810233
codice fisc. 00654810233
coordinate bancarie
 
Tu sei qui: Home Documenti Come fare per

comunicazione trattamento rifiuti liquidi presso impianti di trattamento acque reflue urbane


Cos'è: L'utilizzo degli impianti di trattamento di acque reflue urbane per lo smaltimento di rifiuti è vietato salvi i casi disciplinati dalla norma. In particolare, in deroga a tale divieto, la Provincia, d'intesa con l'Autorità d'ambito, in relazione a particolari esigenze e nei limiti della capacità residua di trattamento, autorizza il gestore del servizio idrico integrato a smaltire nell'impianto di trattamento di acque reflue urbane rifiuti liquidi, limitatamente alle tipologie compatibili con il processo di depurazione. Inoltre, sempre in deroga al predetto divieto, il gestore del servizio idrico integrato, previa comunicazione alla Provincia, è comunque autorizzato ad accettare in impianti con caratteristiche e capacità depurative adeguate, che rispettino i valori limite definiti, specifici rifiuti e materiali individuati dalla norma, purché provenienti dal proprio Ambito territoriale ottimale oppure da altro Ambito territoriale ottimale sprovvisto di impianti adeguati

A chi si rivolge: Il gestore del servizio idrico integrato che intenda accettare in impianti con caratteristiche e capacità depurative adeguate, che rispettino i valori limite definiti, i seguenti rifiuti e materiali, purché provenienti dal proprio Ambito territoriale ottimale oppure da altro Ambito territoriale ottimale sprovvisto di impianti adeguati: a) rifiuti costituiti da acque reflue che rispettino i valori limite stabiliti per lo scarico in fognatura; b) rifiuti costituiti dal materiale proveniente dalla manutenzione ordinaria di sistemi di trattamento di acque reflue domestiche previsti ai sensi del Dlgs 152/2006; c) materiali derivanti dalla manutenzione ordinaria della rete fognaria nonché quelli derivanti da altri impianti di trattamento delle acque reflue urbane, nei quali l'ulteriore trattamento dei medesimi non risulti realizzabile tecnicamente e/o economicamente

Cosa fare: La comunicazione trattamento rifiuti liquidi va presentata alla Provincia corredata di tutta la documentazione necessaria. In particolare, il gestore del servizio idrico integrato deve indicare la capacità residua dell'impianto e le caratteristiche e quantità dei rifiuti che intende trattare

Modalitàƒ di avvio: su istanza di parte

Questo procedimento può essere avviato anche tramite D.I.A. (dichiarazione di inizio attivitàƒ )

Come si svolge: L'attività può essere consentita purché non sia compromesso il possibile riutilizzo delle acque reflue e dei fanghi. La Provincia può indicare quantità diverse o vietare il trattamento di specifiche categorie di rifiuti. L'autorità competente, con provvedimento espresso, può indicare quantità diverse o vietare il trattamento di specifiche categorie di rifiuti

Termine finale (giorni): 60

Normativa di riferimento: Dlgs 152/2006, art. 110

Ufficio competente: Servizio difesa suolo

Nominativo responsabile/i:
VITALIANI AMELIA

Autoritàƒ a cui presentare ricorso: Tribunale amministrativo regionale o ricorso straordinario al Capo dello Stato



logo Europe Direct