Vai ai contenuti.

Valeggio e ponte visconteo

Una natura rigogliosa, un trionfo di sapori in un borgo medievale intatto e di rara suggestione

Valeggio e ponte visconteo

Meli in fiore a Belfiore

Al confine tra l'Est e la Bassa veronese vi sono noti centri di coltivazione della mela

Meli in fiore a Belfiore

Parco regionale della Lessinia

Patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed etnico del territorio veronese

Parco regionale della Lessinia

Risaia - Isola della Scala

Nella Bassa veronese, tra risorgive e risaie, alla scoperta della terra del “Vialone Nano Igp”

Risaia - Isola della Scala

Vigneti - Fumane

Sulle colline della Valpolicella tra ville e vigneti nascono i migliori vini della nostra tradizione

Vigneti - Fumane

Villa Bernini a Lazise

Sulle sponde del lago con il suo splendido parco: passeggiate rilassanti e un suggestivo panorama

Villa Bernini a Lazise

Castelvecchio

Simbolo scaligero trecentesco, specchio delle vicende che ne attraversarono le possenti arcate.

Castelvecchio
Destinatari

Provincia di Verona

via Franceschine 10
37122 Verona
tel. +39 045 9288611
fax +39 045 9288763
numero verde 800344000
posta elettronica certificata
partita iva 00654810233
codice fisc. 00654810233
coordinate bancarie
 
Tu sei qui: Home Documenti Come fare per

Richiesta di autorizzazione paesaggistica ordinaria


Cos'è: Autorizzazione paesaggistica di cui all’art. 146 del DLgs 42/2004 per gli interventi ricompresi in zone di particolare interesse paesaggistico (vincolate ai sensi degli artt. 136 e 142 del DLgs 42/2004). L’autorizzazione è da richiedere alla Provincia per le opere ricadenti nel territorio dei Comuni ritenuti “non idonei”, sulla base di decreti regionali, allo svolgimento della funzione autorizzatoria paesaggistica. La Provincia esercita la funzione autorizzatoria ai sensi della L.R. 10 del 26/05/2011, in sostituzione dei seguenti Comuni: Albaredo d'Adige; Angiari; Arcole; Bevilacqua; Bonavigo; Boschi Sant'Anna; Bussolengo; Buttapietra; Caldiero; Cazzano di Tramigna; Cologna Veneta; Colognola ai Colli; Erbè; Gazzo Veronese; Illasi; Isola Rizza; Lavagno; Legnago; Minerbe; Monteforte d'Alpone; Palù; Pastrengo; Roncà; Roverchiara; San Pietro di Morubio; Soave; Sorgà; Terrazzo; Tregnago; Villafranca di Verona.

A chi si rivolge: I proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili ed aree ubicati in zone di interesse paesaggistico, hanno l’obbligo (qualora non si tratti di interventi non soggetti ad autorizzazione paesaggistica, come previsto dall’art. 2 del D.P.R. 31/2017) di presentare il progetto degli interventi che intendano intraprendere ed astenersi dall’avviare i lavori fino a quando non abbiano ottenuto l’autorizzazione.

Cosa fare: La richiesta di autorizzazione paesaggistica va presentata in bollo (una marca da € 16,00 per la presentazione della domanda e un’ulteriore marca da bollo da € 16,00 per il provvedimento finale) su apposito modello, scaricabile nella sezione “Moduli”, alla quale dovranno essere allegati: la relazione paesaggistica ordinaria (redatta sulla base del DPCM 12.12.2005) e gli elaborati progettuali. La presentazione dell’istanza può avvenire esclusivamente via PEC o tramite SUAP, come meglio dettagliato nelle note riportate in calce al modulo.

Modalitàƒ di avvio: su istanza di parte

Come si svolge: 1 - ricezione dell’istanza di autorizzazione al protocollo e avvio del procedimento; 2 - verifica di assoggettabilità al procedimento ordinario; eventuale comunicazione di esonero (per interventi di cui all’art. 149 del D.Lgs. 42/2004); 3 - verifica della documentazione ed eventuale richiesta di integrazioni; 4 - redazione di una relazione tecnico-illustrativa e invio della stessa unitamente alla documentazione di progetto alla Soprintendenza competente; 5 - rilascio dell’autorizzazione paesaggistica decorsi 60 giorni dall’invio in Soprintendenza.

Costo: n. 2 marche da bollo € 16,00

Termine finale (giorni): 105

Normativa di riferimento: D.lgs 42/2004 - DPCM 12/12/2005 - LRV 10/2011

Ufficio competente: Servizio S.I.T. e pianificazione

Nominativo responsabile/i:
SCAMPERLE GIANLUIGI

Autoritàƒ a cui presentare ricorso: TAR entro 60 giorni o Capo dello Stato entro 120 giorni



logo Europe Direct