Vai ai contenuti.

Valeggio e ponte visconteo

Una natura rigogliosa, un trionfo di sapori in un borgo medievale intatto e di rara suggestione

Valeggio e ponte visconteo

Meli in fiore a Belfiore

Al confine tra l'Est e la Bassa veronese vi sono noti centri di coltivazione della mela

Meli in fiore a Belfiore

Parco regionale della Lessinia

Patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed etnico del territorio veronese

Parco regionale della Lessinia

Risaia - Isola della Scala

Nella Bassa veronese, tra risorgive e risaie, alla scoperta della terra del “Vialone Nano Igp”

Risaia - Isola della Scala

Vigneti - Fumane

Sulle colline della Valpolicella tra ville e vigneti nascono i migliori vini della nostra tradizione

Vigneti - Fumane

Villa Bernini a Lazise

Sulle sponde del lago con il suo splendido parco: passeggiate rilassanti e un suggestivo panorama

Villa Bernini a Lazise

Castelvecchio

Simbolo scaligero trecentesco, specchio delle vicende che ne attraversarono le possenti arcate.

Castelvecchio
Destinatari

Provincia di Verona

via Franceschine 10
37122 Verona
tel. +39 045 9288611
fax +39 045 9288763
numero verde 800344000
posta elettronica certificata
partita iva 00654810233
codice fisc. 00654810233
coordinate bancarie
 
Tu sei qui: Home Documenti Come fare per

procedimento di verifica di assoggettabilità


Cos'è: I progetti che possono avere impatti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale sono soggetti a Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). La legge individua le tipologie di progetti per i quali tale valutazione va effettuata e quelle per le quali la necessità di tale valutazione va determinata attraverso una apposita verifica (verifica di assoggettabilità) della possibilità che si possano avere impatti significati sull'ambiente

A chi si rivolge: Deve presentare domanda di verifica di assoggettabilità chi intende realizzare uno dei progetti indicati nell'allegato IV della parte seconda del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152. La Provincia è competente, ai sensi dell'articolo 4, comma 2, della legge regionale 26 marzo 1999, n. 10, per i progetti indicati nell'allegato C4 della stessa legge regionale

Cosa fare: Chi intende realizzare un progetto tra quelli indicati (proponente) deve presentare una apposita domanda (secondo il modello predisposto dagli uffici), allegando il progetto preliminare di quanto si intende realizzare, lo studio preliminare ambientale e una loro copia conforme in formato elettronico. Il proponente provvede a dare sintetico avviso dell’avvenuta trasmissione della domanda nel Bollettino Ufficiale della Regione (BUR) Veneto e all’albo pretorio dei Comuni interessati. Il proponente deposita altresì copia integrale degli atti presso i Comuni ove il progetto è localizzato.

Modalitàƒ di avvio: su istanza di parte

Come si svolge: Entro quarantacinque giorni dalla data di pubblicazione dell’avviso nel BUR, chiunque abbia interesse può far pervenire le proprie osservazioni. Nei successivi quarantacinque giorni, la Provincia verifica se il progetto abbia possibili effetti negativi apprezzabili sull’ambiente. In particolare, il progetto viene esaminato dalla Commissione provinciale VIA, che è l'organo tecnico istruttorio in materia. Se il progetto non ha impatti ambientali significativi o non costituisce modifica sostanziale, la Provincia dispone l'esclusione della procedura di valutazione ambientale e, se del caso, impartisce le necessarie prescrizioni. Se invece il progetto ha possibili impatti significativi o costituisce modifica sostanziale, occorre procedere con la valutazione di impatto ambientale. Il provvedimento di assoggettabilità è reso pubblico, a cura della Provincia, mediante la pubblicazione integrale sul sito web della Provincia.

Costo: La domanda va presentata in bollo. I costi di istruttoria sono stabiliti dalla DGRV n. 1843/05 in euro 1.500,00. Il provvedimento è soggetto a imposta di bollo.

Termine finale (giorni): 90

Normativa di riferimento: D.Lgs 152/2006, art. 20 e allegato IV alla parte seconda; L.R. n. 10/1999, secondo quanto disposto dalla D.G.R.V. n. 308 del 10/02/2009 e dalla D.G.R.V. n. 327 del 17/02/2009

Ufficio competente: Servizio valutazione impatto ambientale

Nominativo responsabile/i:
MALESANI PAOLO

Autoritàƒ a cui presentare ricorso: Tribunale amministrativo regionale o ricorso straordinario al Capo dello Stato


Moduli:


logo Europe Direct