Vai ai contenuti.

Valeggio e ponte visconteo

Una natura rigogliosa, un trionfo di sapori in un borgo medievale intatto e di rara suggestione

Valeggio e ponte visconteo

Meli in fiore a Belfiore

Al confine tra l'Est e la Bassa veronese vi sono noti centri di coltivazione della mela

Meli in fiore a Belfiore

Parco regionale della Lessinia

Patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed etnico del territorio veronese

Parco regionale della Lessinia

Risaia - Isola della Scala

Nella Bassa veronese, tra risorgive e risaie, alla scoperta della terra del “Vialone Nano Igp”

Risaia - Isola della Scala

Vigneti - Fumane

Sulle colline della Valpolicella tra ville e vigneti nascono i migliori vini della nostra tradizione

Vigneti - Fumane

Villa Bernini a Lazise

Sulle sponde del lago con il suo splendido parco: passeggiate rilassanti e un suggestivo panorama

Villa Bernini a Lazise

Castelvecchio

Simbolo scaligero trecentesco, specchio delle vicende che ne attraversarono le possenti arcate.

Castelvecchio
Destinatari

Provincia di Verona

via Franceschine 10
37122 Verona
tel. +39 045 9288611
fax +39 045 9288763
numero verde 800344000
posta elettronica certificata
partita iva 00654810233
codice fisc. 00654810233
coordinate bancarie
 
Tu sei qui: Home Documenti Come fare per

procedimento di valutazione dell'impatto ambientale


Cos'è: I progetti che possono avere impatti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale sono soggetti a Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). La legge individua le tipologie di progetti per i quali tale valutazione va effettuata e quelle per le quali la necessità di tale valutazione va determinata attraverso una apposita verifica (verifica di assoggettabilità) della possibilità che si possano avere impatti significati sull'ambiente

A chi si rivolge: Deve presentare domanda di valutazione dell'impatto ambientale chi intende realizzare uno dei progetti indicati nell'allegato III della parte seconda del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ovvero un progetto indicato nell'allegato IV della stessa, che ricada anche parzialmente all'interno di aree naturali protette ovvero un progetto che sia stato ritenuto da assoggettare a procedura di valutazione di impatto ambientale a seguito di apposita verifica. La Provincia è competente, ai sensi dell'articolo 4, comma 2, della legge regionale 26 marzo 1999, n. 10, per i progetti indicati negli allegati A1 bis, B2, C3 e C4 della stessa legge regionale, la cui localizzazione interessi il territorio di una sola provincia e che non presenti impatti interregionali o transfrontalieri

Cosa fare: Il proponente presenta domanda, allegando progetto definitivo, studio di impatto ambientale (SIA), sintesi non tecnica, elenco autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, nulla osta e assensi comunque denominati, necessari per la realizzazione e l'esercizio dell'opera. La domanda va trasmessa anche a tutti i soggetti competenti in materia ambientale interessati, qualora la realizzazione preveda autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, nulla osta e assensi comunque denominati, in materia ambientale. Alla positiva conclusione dell'istruttoria preliminare, il proponente versa la somma prevista per l'istruttoria, pubblica avviso su quotidiano a diffusione regionale o provinciale, deposita la documentazione presso gli uffici della Provincia, delle regioni, delle province e dei comuni interessati dagli impatti ambientali, comunica alla Provincia l'avvenuto adempimento. Entro venti giorni dalla pubblicazione dell'avviso, il proponente presenta al pubblico i contenuti del progetto e del SIA

Modalitàƒ di avvio: su istanza di parte

Come si svolge: Dalla domanda decorrono i termini per l’informazione, la partecipazione, la valutazione e la decisione. In particolare: entro sessanta giorni, chiunque abbia interesse può prendere visione di progetto e SIA, presentare osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi. Il provvedimento finale ne terrà conto; entro sessanta giorni, tutti i soggetti competenti in materia ambientale interessati, qualora la realizzazione del progetto preveda autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, nulla osta e assensi comunque denominati, in materia ambientale, rendono le proprie determinazioni, anche in conferenza di servizi; entro sessanta giorni, la Provincia esamina la documentazione; entro centocinquanta giorni, salvo richiesta di integrazioni o provvedimento di prolungamento, la Provincia procede all'istruttoria a mezzo della Commissione provinciale VIA, organo tecnico istruttorio in materia, e conclude il procedimento. Il provvedimento di VIA è pubblicato per intero sul sito web provinciale

Costo: La domanda di VIA va presentata in bollo. La D.G.R.V n. 1843/05 stabilisce costi istruttori per un importo pari al 0,5 per mille del costo dell'intervento con un minimo euro 5.000,00

Termine finale (giorni): 150

Normativa di riferimento: LR 10/1999, artt. 13 e ss in quanto applicabili ai sensi della normativa regionale DGRV 308/09 e 327/09; D.Lgs 152/2006, art. 23 e ss

Ufficio competente: Servizio valutazione impatto ambientale

Nominativo responsabile/i:
MALESANI PAOLO

Autoritàƒ a cui presentare ricorso: Tribunale amministrativo regionale o Presidente della Repubblica. I termini decorrono dalla data di pubblicazione nel BUR


Moduli:


logo Europe Direct