Vai ai contenuti.

Valeggio e ponte visconteo

Una natura rigogliosa, un trionfo di sapori in un borgo medievale intatto e di rara suggestione

Valeggio e ponte visconteo

Meli in fiore a Belfiore

Al confine tra l'Est e la Bassa veronese vi sono noti centri di coltivazione della mela

Meli in fiore a Belfiore

Parco regionale della Lessinia

Patrimonio naturalistico, ambientale, storico ed etnico del territorio veronese

Parco regionale della Lessinia

Risaia - Isola della Scala

Nella Bassa veronese, tra risorgive e risaie, alla scoperta della terra del “Vialone Nano Igp”

Risaia - Isola della Scala

Vigneti - Fumane

Sulle colline della Valpolicella tra ville e vigneti nascono i migliori vini della nostra tradizione

Vigneti - Fumane

Villa Bernini a Lazise

Sulle sponde del lago con il suo splendido parco: passeggiate rilassanti e un suggestivo panorama

Villa Bernini a Lazise

Castelvecchio

Simbolo scaligero trecentesco, specchio delle vicende che ne attraversarono le possenti arcate.

Castelvecchio
Destinatari

Provincia di Verona

via Franceschine 10
37122 Verona
tel. +39 045 9288611
fax +39 045 9288763
numero verde 800344000
posta elettronica certificata
partita iva 00654810233
codice fisc. 00654810233
coordinate bancarie
 
Tu sei qui: Home Documenti Come fare per

autorizzazione esercizio impianti recupero e smaltimento rifiuti


Cos'è: Per realizzare e gestire impianti di recupero o smaltimento di rifiuti, anche pericolosi, occorre ottenere innanzitutto un provvedimento di approvazione del progetto, che abilita alla realizzazione dell'impianto e al suo esercizio provvisorio, e, successivamente, effettuato il collaudo, un provvedimento di autorizzazione all'esercizio. L'articolo 6 della LR 3/2000 individua le tipologie di impianti per le quali occorre un provvedimento di approvazione progetto da parte della Provincia. Nel caso di impianti soggetti a Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), tale autorizzazione tiene luogo dell'autorizzazione alla realizzazione e modifica degli impianti di smaltimento o recupero rifiuti e dell'autorizzazione all'esercizio delle operazioni di smaltimento o recupero dei rifiuti

A chi si rivolge: Chi, sulla base di un provvedimento di approvazione progetto, abbia realizzato nuovi impianti di recupero o smaltimento di rifiuti, anche pericolosi, ovvero una variante sostanziale in corso di esercizio, e, in esercizio provvisorio, abbia effettuato il collaudo funzionale dell’impianto

Cosa fare: Entro 180 giorni dall’avvio dell’impianto, salvo proroga espressa, va presentata domanda, redatta secondo i moduli allegati, corredata dalla documentazione richiesta, tra cui il collaudo funzionale

Modalitàƒ di avvio: su istanza di parte

Come si svolge: Ricevuta la domanda, la Provincia, ove necessario, per l'art. 16 LR 11/10, acquisisce dal Consiglio accertamento indispensabilità degli impianti previo parere ARPAV: nelle more i termini restano sospesi. L’ autorizzazione dura 5 anni. Il provvedimento costituisce autorizzazione per gli scarichi idrici e per le emissioni in atmosfera, secondo il progetto approvato. Le variazioni relative alla gestione che comportino limitate modificazioni alle caratteristiche e ai quantitativi dei rifiuti smaltiti o recuperati e non riguardino il processo tecnologico, sono autorizzate dalla Provincia, su domanda, secondo i moduli provinciali, accompagnata dalla documentazione prescritta, anch'essa secondo i moduli, ove presenti, mediante la modifica dell’autorizzazione. Il rinnovo va richiesto, secondo i moduli provinciali, accompagnata dalla documentazione prescritta, anch'essa secondo i moduli, ove presenti, non prima di 1 anno ed almeno 6 mesi prima della scadenza. La Provincia provvede entro 180 giorni

Costo: La richiesta è soggetta a imposta di bollo. Per le discarica, la DGRV n. 1404/04, prevede spese istruttorie. Il provvedimento finale è soggetto a imposta di bollo

Termine finale (giorni): 180

Normativa di riferimento: LR 3/2000, art. 6 e artt. 25 e ss; LR 20/07, art. 18; Dlgs 152/2006; LR 11/10, art. 16

Ufficio competente: Servizio gestione rifiuti

Nominativo responsabile/i:
PECCHIO FEDERICA

BIONDANI GIUSEPPE

FURLAN FABIO

MARCELLO ALBERTO

Autoritàƒ a cui presentare ricorso: Tribunale amministrativo regionale o ricorso straordinario al Capo dello Stato



logo Europe Direct