Sezioni

DIA

Dichiarazione di inizio attività

Ogni atto di autorizzazione, licenza, concessione non costitutiva, permesso o nulla osta comunque denominato, comprese le domande per le iscrizioni in albi o ruoli richieste per l'esercizio di attività imprenditoriale, commerciale o artigianale il cui rilascio dipenda esclusivamente dall'accertamento dei requisiti e presupposti di legge o di atti amministrativi a contenuto generale e non sia previsto alcun limite o contingente complessivo o specifici strumenti di programmazione settoriale per il rilascio degli atti stessi, è sostituito da una dichiarazione dell'interessato (dichiarazione di inizio attività) corredata, anche per mezzo di autocertificazioni, delle certificazioni e delle attestazioni normativamente richieste. L'amministrazione competente può richiedere informazioni o certificazioni relative a fatti, stati o qualità soltanto qualora non siano attestati in documenti già in possesso dell'amministrazione stessa o non siano direttamente acquisibili presso altre pubbliche amministrazioni.
L'attività oggetto della dichiarazione può essere iniziata decorsi trenta giorni dalla data di presentazione della dichiarazione all'amministrazione competente. 

Per alcune particolari tipologie di attività, l'attività può essere iniziata dalla data della presentazione della dichiarazione all'amministrazione competente.

Contestualmente all'inizio dell'attività, l'interessato ne dà comunicazione all'amministrazione competente.

L'amministrazione competente può adottare motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione dei suoi effetti, a seguito di accertamenti, entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione di inizio attività.

Riferimento: Articolo 19 Legge 7 Agosto 1990, n. 241.

Azioni sul documento

pubblicato il 2010/02/25 13:10:00 GMT+2 - ultima modifica 2010-03-04T12:13:55+02:00