Vai a sottomenu e altri contenuti

Impianti recupero e smaltimento rifiuti - autorizzazione esercizio

Cos'è:

Per realizzare e gestire impianti di recupero o smaltimento di rifiuti, anche pericolosi, occorre ottenere innanzitutto un provvedimento di approvazione del progetto, che abilita alla realizzazione dell'impianto e al suo esercizio provvisorio, e, successivamente, effettuato il collaudo, un provvedimento di autorizzazione all'esercizio. L'articolo 6 della LR 3/2000 individua le tipologie di impianti per le quali occorre un provvedimento di approvazione progetto da parte della Provincia. Nel caso di impianti soggetti a Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), tale autorizzazione tiene luogo dell'autorizzazione alla realizzazione e modifica degli impianti di smaltimento o recupero rifiuti e dell'autorizzazione all'esercizio delle operazioni di smaltimento o recupero dei rifiuti

A chi si rivolge:

Chi, sulla base di un provvedimento di approvazione progetto, abbia realizzato nuovi impianti di recupero o smaltimento di rifiuti, anche pericolosi, ovvero una variante sostanziale in corso di esercizio, e, in esercizio provvisorio, abbia effettuato il collaudo funzionale dell'impianto

Cosa fare:

Entro 180 giorni dall'avvio dell'impianto, salvo proroga espressa, va presentata domanda, redatta secondo i moduli allegati, corredata dalla documentazione richiesta, tra cui il collaudo funzionale

Come si svolge:

L' autorizzazione dura 5 anni. Il provvedimento costituisce autorizzazione per gli scarichi idrici e per le emissioni in atmosfera, secondo il progetto approvato. Le variazioni relative alla gestione che comportino limitate modificazioni alle caratteristiche e ai quantitativi dei rifiuti smaltiti o recuperati e non riguardino il processo tecnologico, sono autorizzate dalla Provincia, su domanda, secondo i moduli provinciali, accompagnata dalla documentazione prescritta, anch'essa secondo i moduli, ove presenti, mediante la modifica dell'autorizzazione. Il rinnovo va richiesto, secondo i moduli provinciali, accompagnata dalla documentazione prescritta, anch'essa secondo i moduli, ove presenti, non prima di 1 anno ed almeno 6 mesi prima della scadenza. La Provincia provvede entro 180 giorni

Requisiti

-

Costi

La richiesta è soggetta a imposta di bollo. Per le discarica, la DGRV n. 1404/04, prevede spese istruttorie. Il provvedimento finale è soggetto a imposta di bollo

Normativa

  • LR 3/2000, art. 6 e artt. 25 e ss;
  • LR 20/07, art. 18;
  • Dlgs 152/2006;
  • Dlgs 36/2003

Incaricato

Michele Marchi - Fabio Furlan Luca Guarino

Tempi complessivi

Termine finale (giorni): 180

Termini e modalità di ricorso

Autorità a cui presentare ricorso: Tribunale amministrativo regionale o ricorso straordinario al Capo dello Stato

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Domanda autorizzazione esercizio Formato doc 20 kb
Elenco documenti da presentare Formato pdf 29 kb
Requisiti autodemolitori Formato pdf 85 kb

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Servizio Gestione Ambientale
Indirizzo: Palazzo Capuleti, via Franceschine, 10 - 37122 Verona
Telefono: 0459288806   0459288852  
Fax: -
Email:
Email certificata: ambiente.provincia.vr@pecveneto.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto