Sezioni

Altri contenuti - Accesso civico semplice e generalizzato a dati e documenti

(Articolo 5 e 5-bis del decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33)

Attraverso l'accesso civico chiunque può ottenere informazioni, dati e documenti detenuti dalla Provincia.

 

Se i documenti, le informazioni o i dati avessero dovuto essere pubblicati e non lo sono chiunque può richiederne la pubblicazione (modulo di accesso civico semplice).

Ma anche se i documenti, le informazioni o i dati non avessero dovuto essere pubblicati chiunque può in ogni caso richiederli e ottenerli, salvo le esclusioni previste dalla legge (art. 5-bis del decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33, “Normattiva”) (modulo di accesso civico generalizzato).

 

La richiesta di accesso civico non deve essere motivata ed è gratuita (salvo il rimborso del costo di riproduzione su supporti materiali). L'istanza può essere trasmessa per via telematica secondo le modalità previste dal decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni, ed è presentata alternativamente ad uno dei seguenti uffici:

- all'ufficio che detiene i dati, le informazioni o i documenti;

- all'ufficio relazioni con il pubblico;

oppure

se l'istanza riguarda dati, informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria:

- al Responsabile della trasparenza, Dottor Paolo Dominioni

 via Franceschine n. 10, 37122 Verona

  indirizzo PEC: provincia.verona@cert.ip-veneto.net

 

Per informazioni:

Indirizzo e-mail: paolo.dominioni@provincia.vr.it ;

Telefono: 045 9288338

 

La Provincia, entro 30 giorni dalla richiesta di accesso civico, conclude il procedimento con provvedimento espresso e motivato.

Nei casi di diniego totale o parziale dell'accesso o di mancata risposta entro il termine di 30 giorni, il richiedente può presentare richiesta di riesame (modulo della richiesta di riesame) al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza che decide con provvedimento motivato, entro il termine di 20 giorni

Qualora si tratti di atti delle amministrazioni delle regioni o degli enti locali, il richiedente può altresì presentare ricorso al difensore civico competente per ambito territoriale, ove costituito.

Per maggiori dettagli si fa rinvio all'articolo 5 del decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33 (“Normattiva”)

Cliccare i link di seguito per visualizzare i report degli accessi dell'anno in corso e di quelli precedenti:

Report anno 2019

Archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2016/11/04 13:10:00 GMT+1 - ultima modifica 2020-01-10T10:50:19+01:00